E’ molto comune che, dopo un’esposizione al sole non particolarmente attenta, magari senza l’uso delle creme adeguate, ci si possa ritrovare, dopo l’estate, con antiestetiche macchie scure sul viso.
Questa iperpigmentazione è comune a tante donne, e purtroppo è anche difficile eliminarla completamente, a meno che non sia di lieve entità.
Esistono però alcuni rimedi naturali, come la rosa mosqueta, che sicuramente potrà venirvi in aiuto, grazie alle sue preziose proprietà.

Che cos’è la rosa mosqueta

La rosa mosqueta, detta anche Rosa rubiginosa, è un arbusto originario della famiglia delle Rosacee, che cresce selvaticamente soprattutto nella zona del Cile e in altre del Sud America. Dalle sue foglie e dai semi viene estratto questo olio prodigioso che, oltre a prevenire l’invecchiamento, è utile per schiarire le macchie della pelle, causate da cicatrici o da un’esposizione al sole non corretta.
L’olio di rosa mosqueta contiene un alto contenuto di acidi grassi polinsaturi, come l’acido linoleico al 41% e l’acido linoleico al 39%, che danno vita alle catene Omega 6 e Omega 3. Questi acidi grassi sono componenti importanti delle membrane cellulari. Per questo l’olio di rosa mosqueta viene utilizzato per schiarire le macchie e nel trattamento delle cicatrici. Anche se non riesce ad eliminarle completamente, ha una potente azione levigante. L’olio di rosa mosqueta, oltre ad attenuare le macchie solari, viene utilizzato anche per idratare la pelle e trattare inestetismi cutanei dovuti ad acne, couperose e psoriasi.

Proprietà dell’olio di rosa mosqueta

L’olio di rosa mosqueta è ricco di Vitamina A e di acidi grassi essenziali. Contiene inoltre vitamine E con azione antiossidante e retinolo. Questo prodotto viene torchiato a freddo, affinché mantenga inalterate le sue proprietà.
La pelle, assorbendo queste preziose sostanze contenute all’interno della rosa mosqueta, viene nutrita e si mantiene più giovane. Infatti, chi usa l’olio di rosa mosqueta su viso o collo, mostra una pelle più compatta, con una grana migliore, una colorazione più uniforme, e un tono muscolare più elastico. Oltre, come abbiamo detto precedentemente, ad attenuare le rughe e le macchie scure. L’olio di rosa mosqueta è anche utile per rinnovare i tessuti cutanei, attenuando gli inestetismi di cicatrici e smagliature, oltre che rughe di espressione.

Come usarlo

L’olio di rosa mosqueta non lascia tracce di unto e viene completamente assorbito dalla pelle.
Il corretto uso dell’olio di rosa mosqueta prevede che venga applicato al mattino e alla sera, con un massaggio circolare sulla zona interessata, quindi nel nostro caso il viso, con un massaggio di cinque minuti.
Per ottenere un effetto più potente, si può unire all’olio di rosa mosqueta qualche goccia di olio essenziale di geranio. Infatti, utilizzando l’olio di rosa mosqueta con altri oli essenziali, avrete trattamenti mirati per alcune specifiche problematiche. Per il trattamento di cicatrici o ustioni, ad esempio, è utile l’olio essenziale di lavanda, per ringiovanire la pelle delle mani, olio alla rosa mosqueta e olio essenziale al limone.

Come conservarlo

L’olio di rosa mosqueta è particolarmente delicato, quindi la sua conservazione è molto importante. Una volta aperto sarebbe meglio conservarlo in un luogo fresco e asciutto, ancora meglio se in frigorifero.

E voi, avete mai provato l’olio di rosa mosqueta? Fatecelo sapere nei commenti!